Bonus 150€ RdC | Si può pagare solo questo

Quale spesa si può affrontare con i 150 euro di bonus su reddito di cittadinanza, limiti e regole previste

bonus 150 euro su RdC limiti spesa
Bonus 150 euro (Foto Adobe)

Quali sono le spese che è possibile fare con il bonus da 150 euro sul reddito di cittadinanza? Questa è la domanda che si pongono i percettori del reddito di cittadinanza ai quali è già stato erogato da parte dell’Inps il beneficio prevsito dall decreto aiuti ter. Intanto c’è da dire che se per alcuni il bonus è già arrivato a fine novembre, come detto, altri sono in attesa e la cifra verrà accreditata soltanto nelle settimane di gennaio.

C’è da dire che come al solti le date di arrivo del beneficio variano da persona a persona, quindi per ottenere indicazioni precise è sempre necessario controllare i dati sul proprio fascicolo personale consultabile sul sito Inps con accesso mediante credenziali Spid, Cie e Cns.

Come si può utilizzare il bonus da 150 euro su reddito di cittadinanza

bonus 150 euro su RdC limiti spesa
Bonus 150 euro (Foto Adobe)

Per questo beneficio valgono le stese regole del precedente bonus. Quindi tra queste i limiti nel tipo di spese affrontabili e i termini temporali entro cui è possibile consumare l’accredito ricevuto. Comincinando con quest’ultimo punto si deve dire che il beneficio non è cumulabile nel tempo. Ciò significa che deve essere consumato per le spese entro la conclusione del mese successivo a quello dell’accredito.

Vale a dire che se l’accredito del bonus è già arrivato su carta di reddito di cittadinanza entro fine novembre, le spese potranno essere effettuate entro il 31 dicembre di quest’anno. In più, come accennato, le spese possibili sono le stesse consentite per il reddito di cittadinanza.

Leggi anche: Bonus trasporti, puoi estenderlo al 2023 | Come fare

Queste sono le possibilità di utilizzo della somma presente nella carta di reddito di cittadinanza:

  • comprare generi alimentari e sanitari;
  • saldare le utenze domestiche (gas, energia elettrica, acqua, telefono eccetera) o la mensa scolastica del nucleo familiare interessato dal beneficio;
  • pagare l’affitto o la rata del mutuo;
  • acquistare altri beni, come libri o apparecchi tecnologici.

Leggi anche: Taglio da oltre 100€ sul reddito di cittadinanza | Vera cifra 2023

I limiti quindi circoscrivono le spese a beni e servizi di stretta e prima necessità per la famiglia del percettore. Questo vale anche per tutte le somme accreditate sulla carta acquisti siano esse spettanti per il reddito di cittadinanza vero e proprio che la somma accreditata per il bonus .