Sanatoria cartelle esattoriali | Molti avranno una brutta sorpresa

Arrivano brutte notizie per alcuni contribuenti che hanno cartelle esattoriali: non tutte rientrano nella sanatoria

cartelle esattoriali
sanatoria cartelle esattoriali (Foto Adobe)

La Nuova Legge di Bilancio è ormai pronta e dovrà essere approvata entro e non oltre il 31 dicembre 2022. La Manovra del governo Meloni comprende molte novità che riguardano il Reddito di Cittadinanza, le pensioni, l’Assegno Unico Universale ed anche la sanatoria delle cartelle esattoriali.

Per quanto riguarda proprio le cartelle esattoriali si parla di una vera e propria tregua fiscale. La decisone, che alcuni chiamano sanatoria ed altri condono, è stata presa per aiutare gli italiani in questo particolare periodo storico contrassegnato da una crisi senza precedenti. Nonostante questa decisione molti contribuenti che hanno cartelle esattoriali avranno comunque una brutta sorpresa.

Cartelle esattoriali, ecco quelle escluse dalla Legge di Bilancio

cartelle esattoriali
sanatoria cartelle esattoriali (Foto Adobe)

Le cartelle che saranno cancellate automaticamente dallo stralcio riguardano quelle fino al 2015 e con importo inferiore a mille euro mentre tutte le altre, fino al 30 giugno 2022, potranno essere risolte con la rottamazione. Queste ultime potranno essere pagate con 18 rate trimestrali dal 2023 al 2027. 

La sorpresa non proprio piacevole riguarda tutti coloro che hanno delle cartelle esattoriali relative a multe del Codice della Strada che potrebbero essere escluse dalla sanatoria. Questo perché, per questo tipo di multa, i contribuenti potrebbero essere assoggettati al volere dell’Amministrazione Comunale.

LEGGI ANCHE: Cartelle esattoriali nonni | Possono arrivare ai nipoti?

Le multe, infatti, sono voci di bilancio dei comuni e la cancellazione automatica di queste cartelle esattoriali potrebbe portare gravi danni ai bilanci comunali. Proprio per questo motivo che è probabile che, per la cancellazione d’ufficio di queste potrebbe subentrare un passaggio aggiuntivo. 

LEGGI ANCHE: Donne in pensione nel 2023 | Con quest’età si potrà

Il passaggio aggiuntivo potrebbe riguardare proprio la volontà dei Comuni italiani ad aderire alla sanatoria, scegliendo la cancellazione automatica delle cartelle esattoriali ai loro cittadini. E non è da dare per scontata la risposta affermativa dei Comuni, soprattutto di quelli che sono vicini al dissesto di Bilancio.

Tutto questo potrebbe causare molta confusione: basta infatti pensare che una multa da Parte della Polizia locale potrebbe non essere cancellata mentre quella, per la stessa effrazione, ma da parte di altre forze dell’ordine potrebbe invece essere cancellata. A conclusione di tutto le multe al Codice della Strada potrebbero essere escluse ma toccherà al contribuente capire quali.

Gestione cookie