Imu in ritardo, come pagare con sanzione ridotta

Versare l’Imu in ritardo pagando con sanzione ridotta, è possibile grazie al ravvedimento operoso: cosa bisogna sapere

cos'è il ravvedimento operoso
Pagare l’Imu (Adobe Stock – Pensioniora.it)

Lo scorso 16 dicembre sono scaduti i termini per il pagamento dell’Imu, l’imposta patrimoniale, ma coloro che non hanno versato la seconda rata entro la scadenza prestabilita, possono ancora porre rimedio. Questo è possibile grazie al ravvedimento operoso, anche se bisogna fare attenzione a calcolare precisamente la somma aggiuntiva dovuta. Il ravvedimento operoso è un istituto giuridico che va a ripristinare la legalità precedentemente violata nell’ambito del diritto amministrativo tributario. Esso si può applicare anche su bollo auto e TARI.

Intanto, è bene aprire una parentesi riguardo la Legge di Bilancio 2023. In essa infatti viene confermata l’esenzione dal pagamento dell’imposta municipale qualora l’immobile non sia utilizzabile. Il Governo ha pertanto deciso di stanziare un apposito fondo da 62 milioni di euro per far fronte a questa misura. L’esenzione non è però automatica e il proprietario dell’immobile deve inviare una comunicazione telematica presso il comune dove lo stesso è ubicato. La procedura, spiegata, sarà presente nella Gazzetta Ufficiale non appena la Manovra verrà ufficializzata.

Come calcolare la sanzione ridotta sull’Imu

calcolare sanzione ridotta imu
Calcolare sanzione Imu (Adobe Stock – Pensioniora.it)

Pagare una tassa spontaneamente dopo la sua scadenza implica la possibilità di applicazione del ravvedimento operoso, anche se la cifra della sanzione varia in base alla tempistica del versamento. Di seguito tutti i tipi di ravvedimento nel dettaglio:

Leggi anche: Rottamazione cartelle esattoriali | Ancora novità nel 2023

  • Ravvedimento sprint (entro 14 giorni dalla scadenza) prevede una maggiorazione dello 0,1% per ogni giorno di ritardo rispetto alla scadenza.
  • Ravvedimento breve (dal 15° al 30° giorno post scadenza) prevede maggiorazione fissa dell’1,5%.
  • Ravvedimento intermedio (più di un mese dalla scadenza) prevede maggiorazione all’1,67%. Essa può essere applicata fino al 90° giorno di scadenza.
  • Ravvedimento lungo (entro la scadenza per la dichiarazione successiva) che comporta una sanzione del 3,75%.

Leggi anche: Stangata professionisti, in arrivo multe dall’INPS | Chi è a rischio

Il ravvedimento operoso non potrà essere applicato se si supera la scadenza del ravvedimento lungo. In tal caso la multa sarà del 30% più gli interessi legali. Ad ogni modo, per pagare le tasse oltre la scadenza in maniera spontanea, bisogna utilizzare il modello F24.