Lavori in casa | Quali obblighi ci saranno nel 2023

Quando dobbiamo effettuare dei lavori in casa dobbiamo seguire una serie di norme: ecco quali saranno nel 2023

lavori
comunicazioni da fare per lavori in casa (Foto Adobe -makibestphoto)

Tutti coloro che hanno una casa sanno benissimo che bisogna effettuare lavori ordinari o lavori straordinari per far si che questa stia sempre al meglio. Tra i tanti lavori a cui spesso vengono sottoposte le case ci sono sicuramente quelli relativi al rifacimento della facciata ma anche il cambio degli impianti di riscaldamento o dell’elettricità o la creazione, dove lo si permette, di un’altra stanza o soppalco.

Ovviamente tutti coloro che fanno lavori in casa in condominio sanno benissimo che devono rispettare vari obblighi come la comunicazione dell’inizio dei lavori. Questa comunicazione deve essere fatta all’amministratore di condominio mentre al Comune di residenza bisogna fare richiesta per il Permesso per Costruire.

Lavori in condominio 2023: tutti gli obblighi

lavori
comunicazioni da fare per lavori in casa (Foto Adobe -Hoda Bogdan)

A breve inizierà il nuovo anno e molti condomini che devono effettuare i lavori in casa si chiedono a quali obblighi dovranno sottostare per procedere in regola. La prima regola valida sempre è che bisogna informarsi, leggendo il regolamento condominiale, di quando possono essere fatti i lavori e, nel dettaglio, la fascia oraria in cui bisognerà fare silenzio e quando invece si potrà procedere con i lavori.

LEGGI ANCHE: Bollette, occhio a queste voci nascoste | Spendi di più

Anche se non sono delle leggi, è buona regola di vicinato avvisare i condomini dello svolgimento dei lavori e comunicare loro i tempi stimati ed eventuali disservizi come può essere la sospensione di alcune forniture o dell’ascensore condominiale. Se queste sono solo buone norme da seguire, è invece obbligatorio, da parte di chi effettua i lavori, comunicare preventivamente all’amministratore dell’inizio dei lavori che possono interessare cose comuni.

LEGGI ANCHE: Pensioni minime a 600€ | Solo in due casi nel 2023

Altri obblighi interessano invece i Comune dove si trova l’immobile da sottoporre a lavori: bisogna presentare la Richiesta per il Permesso per costruire. Per i lavori di manutenzione straordinaria bisogna presentare la CILA: il documento va presentato per lavori come la sostituzione e modifica dei tramezzi interni, o sostituzione infissi esterni con modifica del materiale o tipologia di infisso, o realizzazione e integrazione di servizi igienico sanitari. Se invece i lavori determinano una variazione dei volumi dell’immobile allora bisognerà presentare la SCIA.

Infine ci sono delle tipologie di lavori per i quali non c’è bisogno di chiedere il permesso al Comune o al condominio. Rientrano in questa categoria i lavori di manutenzione ordinaria come riparazione, sostituzione, rinnovamento di pavimentazione esterna e interna, tinteggiatura, riparazione degli infissi, delle ringhiere o degli impianti elettrici, idraulici o per il gas.