Se hai 18 anni puoi avere questo regalo da 500€

Per i neomaggiorenni che compiranno gli anni quest’anno arrivano contributi a loro dedicati per usufruire di questi servizi. Ecco quali

bonus 18 anni ai meritevoli
Bonus Cultura (Foto Adobe – pensioniora.it)

Nel quadro della cronaca riguardante l’attuale tessuto sociale, o meglio la sua qualità, spesso i primi referenti ad esser chiamati in causa su problematiche di particolare rilevanza sono i giovani; sono invece molte meno occasioni, nelle quali gli stessi sono oggetto di positive circostanza di portata – ancora una volta – sociale. È possibile riscontrare ciò sotto diversi aspetti presso i quali i medesimi restano schiacciati da un tempo della storia non così a loro favorevole.

Descrivendo fatti di recente attualità, i giovanissimi hanno in buona parte accusato un sistema istituzionale che poco si è adattato all’ambito dell’emergenza sanitaria da Covid, adeguando opportunamente i servizi essenziale – nello specifico – come la scuola; la cosiddetta “didattica a distanza”, ma così anche contesti familiari molto difficili, hanno lasciato riverberi formativi complessi, i cui effetti si vedranno soltanto nel futuro.

Se hai 18 anni, dal 2024 si potranno spendere questi contributi economici

bonus 18 anni ai meritevoli
Bonus Cultura (Foto Adobe – pensioniora.it)

In un certo qual modo, il tema dei giovani emerge anche quando si tratta una questione apparentemente agli antipodi come le pensioni. È impossibile oggigiorno non chiedersi quando sarà la prima età utile per congedarsi dal lavoro, in considerazione dell’alternarsi dei sistemi di pensione anticipata e no. Dal 1° gennaio 2023 ha preso piena attuazione Quota 103, che porterà anticipatamente a congedarsi con 41 anni di contributi versati e 62 anni di età.

LEGGI ANCHE: Conto corrente svuotato il giorno della morte | Cosa succede?

Tramite il portale INPS, i giovani lavoratori possono conoscere sin d’ora la loro età pensionabile grazie al simulatore “Pensami”, anche se lavorano soltanto da un anno. Prima della maggiore età, lo Stato li assiste economicamente tramite l’Assegno Unico e universale per le famiglie, contribuendo per ciascuno di loro con un rateo mensile congruo. Giunti al compimento dei diciotto anni, i giovani possono approfittare delle nuove Carta della Cultura Giovani e della Carta del Merito, frutto della rivisitazione, da parte del governo Meloni, del precedente Bonus Cultura.

LEGGI ANCHE: Regalo del Governo ai titolari del reddito di cittadinanza

La prima è destinata ai redditi familiari ISEE fino a 35mila euro ed è spendibile fino all’anno successivo al compimento della maggiore età. La seconda, invece, viene rilasciata ai diciottenni che abbiano conseguito il diploma superiore con una votazione finale di 100 centesimi. Entrambi le carte hanno un valore di 500 euro, utili per accquistare libri, musica, biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche, spettacoli dal vivo, abbonamenti a periodici e quotidiani, musei, mostre e parchi, nonché corsi di lingua straniera, musica, teatro e danza. La decorrenza parte nel 2024 per i richiedenti che ne faranno domanda dal 31 gennaio e fino al 31 ottobre 2023.