Come trovare subito un inquilino se hai una casa vuota

Affittare un immobile in modo sicuro non è cosa semplice, cosa bisogna fare per individuare l’inquilino giusto in tempi accettabili

cercare inquilino
Affittare casa (Foto Unsplash – pensioniora.it)

L’affitto di una casa non è mai un’operazione semplice per nessuna delle parti in causa. Per il proprietario perché c’è la preoccupazione di non riuscire a locare il proprio immobile in tempi rapidi. E il timore di non trovare la persona più affidabile e responsabile sotto il profilo della regolarità dei pagamenti e della conduzione senza danni dell’abitazione.

Ma anche per l’inquillino non è semplice individuare la sistemazione che meglio di altre risponda alle sue esigenze personali e lavorative. Che abbia una canone d’affitto non eccessivo e sia nel lungo termine sostenibile senza problemi particolari, soprattutto nel caso di persone giovani e alle prime esperienze fuori dall’ambito familiare.

Individuare l’inquilino adeguato senza tempi eccessivi di attesa

cercare inquilino
Affittare casa (Foto Unsplash – pensioniora.it)

Per affittare bene e in tempi giusti bisogna avere delle accortezze e delle attenzioni in maniera tale da scongiurare brutte sorprese successive soprattutto sul piano monetario. La prima cosa è necessario seguire le norme e la prassi previste dalla legge per la locazione. Già questo riduce, almeno in parte, il rischio di morosità.

Il risparmio di tempo non può essere fatto riducendo od eliminando procedure legali e di mercato. Un atteggiamento contrario si traduce sovente in grandi perdite successivi per riottenere quanto spettante al termine di lungaggini burocratiche e legali. Per prima cosa raccogliere delle informazioni della persona che si propone (per esempio sulla situazione abitativa passata, la disposizione del nucleo familiare, le cause che portano a cambiare casa).

Leggi anche: Soldi prestati e non restituiti | Cosa dice la legge

Seconda attenzione richiedere delle garanzie per i pagamenti e sulla capacità dell’inquilino di sostenere economicamente il costo dell’appartamento, si può chiedere di verificare la busta paga o una dichiarazione dei redditi. Controllare le eventuali ricevute di precedenti affitti per avere un’idea della regolarità nel versamento dl canone.

Leggi anche: Perdi l’eredità se non l’accetti entro questo tempo

Infine se si desidera risparmiare del tempo si può rivolgersi ad un agenzia che si occupa proprio della mediazione tra locatario (inquilino) e locatore (proprietario dell’immobile), curando sia la parte burocratica che l’individuazione dell’inquilino adeguato alle esigenze del proprietario. Naturalmente c’è un costo per la mediazione, di solito circa il 10% del canone annuale, ma  si ottiene un notevole risparmio di tempo.