Bonus dentisti per curarsi gratuitamente: come ottenerlo

Ecco quali modalità esistono nei confronti della possibilità di recuperare totalmente o una parte delle spese odontoiatriche. Di cosa si parla

come curare denti gratis con bonus dentisti
Bonus dentisti (Foto Adobe – pensioniora.it)

A partire dal periodo di ripresa economica che ha fatto seguito alla emergenza sanitaria da Covid-19, i governi succedutisi hanno messo a disposizione, tramite l’INPS e l’Agenzia delle Entrate, un pacchetto di agevolazioni sempre più corposo, al fine di stimolare l’apparato economico sia in ambito produttivo che da un punto di vista della spesa dei privati. Il primo bonus ha riguardato innanzitutto il settore più trainante nell’economia nazionale, ossia l’edilizia.

Dopo l’exploit del Superbonus edilizio, con la completa detrazione al 110 per cento delle spese per il rifacimento esterno e interno degli edifici, l’aggiornamento o la sostituzione dei dispositivi per l’efficientamento energetico, si sono aggiunti diversi contributi a beneficio di varie aree sociali: dal bonus giardini al buono scuola; per non parlare in ambito previdenziale, con bonus sulle nascite e per le mamme disoccupate, nonché gli assegni familiari.

Bonus dentisti, quali agevolazioni abbattono le spese per la cura dentaria

come curare denti gratis con bonus dentisti
Bonus dentisti (Foto Adobe – pensioniora.it)

L’ambito della sanità, o della salute della persona, non è privo delle sue particolari misure di agevolazione sull’accesso alla spesa. Trattando specificatamente di forti sconti e detrazioni, il riferimento più diretto è alla Legge 104, la quale include un’ampia maglia di detrazioni e scontistiche su varie tipologie di acquisto, a favore dei portatori di handicap grave (detrazioni e iva agevolata sull’acquisto di un veicolo, di strumenti elettronici e dispositivi medico-sanitari).

Qualsiasi cittadino, a prescindere dalla sua condizione di salute, può ugualmente accedere ad uno “sconto” sulle prestazioni sanitarie. Basti pensare quando, entro il mese di novembre di ogni anno, si presenta la dichiarazione dei redditi: ad essa possono essere allegati fatture e ricevute per l’acquisto di farmaci, come il pagamento di servizi sanitari nelle strutture private. Una parte dei costi sanitari viene rimborsata in qualità di credito d’imposta.

Tra i costi, non bisogna escludere le spese odontoiatriche, affrontate generalmente da ciascuno ogni anno. L’esborso può essere totalmente o parzialmente rimborsato successivamente alla presentazione del modello 730. Pertanto, non occorre parlare di un bonus dentista, perché almeno per il momento non esiste. L’altra alternativa per ottenere una cura dei denti gratis è quella di rivolgersi ai dentisti del Servizio Sanitario Nazionale; altrimenti, occorre rivolgersi alla figura del dentista sociale, usufruendo di tariffe a basso costo.