Canone RAI, eliminato dalla bolletta: come avviene l’accredito

Il tanto discusso canone RAI dal prossimo 2024 potrebbe subire alcune modifiche, probabilmente dirà addio alla bolletta, ecco come avverrà l’accredito per il pagamento

canone rai
Arrivederci al Canone RAI dalla bolletta dell’energia elettrica, cambia locazione ecco come avverrà il prossimo pagamento a partire dal 2024 (Canva) – Pensioniora.it

Sappiamo che l’Italia risulta essere il Paese in cui si pagano il maggior numero di tasse e tra le più elevate, di fatti sono un’argomento che suscita pareri diversi e tra loro contrastanti. Tutti conoscono il canone RAI, una tassa imposta sulla bolletta della corrente elettrica che continua a fare discutere i consumatori sul pagamento obbligatorio che riguarda tutti coloro che hanno un dispositivo video in cui è possibile visionare i programmi RAI quindi sia per chi detiene una televisione che uno smartphone, pc e così via. Il canone ha la medesima funzione della tassa di possesso come quella di un veicolo,  ma rispetto a quest’ultima non ha scaturito il malcontento come l’imposta RAI. Tuttavia il pagamento essendo obbligatorio è indispensabile che ogni cittadino paghi o si metta in regola altrimenti potrebbe essere multato dall’Agenzia delle Entrate con un salasso non indifferente.

Canone RAI, dal prossimo anno addio ecco  come avviene l’accredito

canone rai
Arrivederci al Canone RAI dalla bolletta dell’energia elettrica, cambia locazione ecco come avverrà il prossimo pagamento a partire dal 2024 (Canva) – Pensioniora.it

Essendo il Canone RAI una tassa obbligatoria da pagare è necessario mettersi in regola se non si vuole incorrere nel pericolo di pagare una multa davvero molto alta che varia dai 100 ai 500 euro, facendo riferimento agli anni in cui il pagamento è terminato. Pertanto, per evitare che gli evasori vengano meno a questo pagamento dal prossimo anno potrebbero introdurre l’accredito automatico su conto corrente o scorporarlo dalla bolletta dell’energia elettrica. L’imposta viene solitamente inserita sulla bolletta tradizionale o elettronica dell’energia con una rateizzazione della quota divisa da gennaio ad ottobre che varia in base ai dispositivi in casa e al nucleo familiare, per tanto se la somma complessiva potrebbe aggirarsi sui 100 euro si pagherà al mese 10 euro.

Tuttavia, per quanto la somma da versare in favore del canone sia relativamente bassa ha comunque suscitato il malcontento dei consumatori. Sotto questo aspetto la situazione sembra non migliorare e pronta a generare ancora il malcontento dei consumatori apportando modifiche sostanziali sul tipo di versamento che deve essere effettuato. Lo scopo principale dello Stato è quello di combattere l’evasione fiscale, che molti disturbati dal canone RAI in bolletta continuano a fare, pertanto dal prossimo 2024 il Governo ha intenzione di eliminare l’imposta dalla bolletta della luce.

In questo frangente però per quanto utile sia lo scorporo dell’imposta dal prossimo anno potrebbe non riguardare più il semplice canone RAI legato ai dispositivi televisivi o il cellulare ma applicata ai servizi telefonici di rete fissa, ovvero quella domestica. Secondo il Governo con questa mossa si potrà pagare molto meno in futuro essendo l’utenza telefonica molto più alta spesso di altre utenze, pertanto anche se cambia locazione il canone va sempre e comunque pagato anche se in forma o per motivazioni diverse da quelle che tutti conoscono.

Impostazioni privacy