Cessione del quinto, cos’è spiegato in maniera semplice

Spesso si crea confusione in merito alla cessione del quinto: ecco di cosa si tratta in parole semplici

cos'è la cessione del quinto dello stipendio
Cessione del quinto (Pixabay)

Non sono in pochi quelli che, quando sentono parlare di cessione del quinto, ci capiscono poco o nulla. Spesso la causa è imputabile anche alla complessità delle spiegazioni da parte di chi è esperto in materia. A tal proposito, in questo caso, si proverà a spiegare con parole semplici ma efficaci. La cessione del quinto dello stipendio, per dirla tutta, è un prestito personale che viene destinato a lavoratori dipendenti e pensionati.

Quest’ultimo può essere richiesto per motivi personali riguardanti vita privata o famiglia. Alcuni esempi possono essere l’acquisto di un veicolo o la partecipazione ad un corso di formazione, ma anche la semplice necessità di avere più denaro liquido. Tale tipologia di prestito è legata alla sottoscrizione di un’assicurazione che va a garantire il pagamento del debito residuo nel caso di licenziamento o decesso del richiedente il credito.

Come funziona e chi può richiedere la cessione del quinto

cos'è la cessione del quinto dello stipendio
Firmare contratto di prestito (Pixabay)

La cessione del quinto consente ai lavoratori pubblici, privati e pensionati di restituire la somma avuta in prestito cedendo a chi finanzia fino appunto a un quinto di quella che è la pensione o lo stipendio. All’atto pratico funziona che il datore di lavoro o l’ente di previdenza trattiene la rata e la versa poi al finanziatore. Tale credito si dice ‘non finalizzato’, il che significa che il richiedente non è tenuto a specificare cosa ne farà dei soldi ricevuti.

Leggi anche: Quinto Poste, cosa succede se muore il titolare? | Sorpresa

Per essere più specifici, i requisiti per accedere al prestito sono: contratto indeterminato, residenza in Italia, età tra 18 e 63 anni, assicurabilità dell’azienda (nel caso di privati). I pensionati invece devono avere un’età non superiore a 90 anni al termine del finanziamento e una pensione pari o superiore al netto della quota cedibile.

Leggi anche: Amazon, paga a rate e senza busta paga: come fare

Infine, per chi fosse interessato, la cifra massima richiedibile generalmente è di 75.000 euro, la quale può essere rimborsata con un piano di ammortamento che non vada oltre i 10 anni (120 mesi) e che non sia al di sotto dei 4 (48 mesi).

Gestione cookie