Se trovi il pellet a questo prezzo fermati | È una truffa

Una truffa riguardante il pellet in sconto sta mettendo in pericolo i soldi di molti cittadini: sono già diverse le persone incappate nella trappola

Truffa del pellet in sconto
Pellet in sconto (Pensioniora.it)

È ormai dicembre e la stagione fredda, in tutta Italia, è ormai pienamente iniziata. I cittadini, mai come quest’anno, hanno molte difficoltà per ciò che riguarda l’utilizzo dei riscaldamenti. Il caro vita, infatti, sta incidendo molto sull’economia. Ad aumentare non sono solo gas ed elettricità ma, a proposito di riscaldamenti, anche il pellet. Il suo costo è triplicato rispetto all’anno scorso. Se prima un sacchetto di 15 kg di discreta qualità aveva un prezzo tra i 3 ed i 5 euro, ora non lo si trova a meno di 12. Questa situazione causa un altro problema parallelo ai cittadini e riguarda il rischio maggiore di incappare in truffe volte al risparmio.

Truffa pellet: a cosa fare attenzione

Come non farsi truffare acquistando il pellet
Pellet (Pixabay)

Soli 6 euro a sacchetto, meno della metà del costo normale. Questo era il prezzo del pellet in sconto su un sito Internet che ha portato una persona ad essere truffata per centinaia di euro. La vicenda è balzata agli onori delle cronache grazie alla denuncia di una signora di Radicofani, in provincia di Siena. Quest’ultima, avendo creduto all’opportunità di risparmiare sensibilmente sul costo del pellet, ha deciso di fare scorte per l’inverno e comprarne 250 sacchetti per un importo totale di 1500 euro. La stessa, a titolo di acconto, ha subito dopo disposto un bonifico di 500 euro.

Leggi anche: Pellet di girasole alternativa economica | È davvero così?

Passati alcuni giorni, la merce non arriva e la donna decide di recarsi presso la caserma locale dei Carabinieri, sporgendo denuncia. Gli agenti avviano dunque le indagini e capiscono subito che il sito in questione è stato creato qualche giorno prima al solo scopo di truffa. Dopo essere risaliti all’amministratore del dominio web e aver incrociato i dati dell’IBAN del bonifico, sono state denunciate alla Procura della Repubblica tre persone aventi già precedenti penali. Le indagini, intanto, proseguono per capire se ci sono altri coinvolti. Pur essendo questa la notizia del momento, sono già diverse le persone truffate in questo periodo da malintenzionati pronti a sfruttare le fragilità dettate dal difficile momento economico.

Leggi anche: Bonus badanti ogni mese per gli anziani accompagnati | Cifre

Le Autorità, soprattutto in un periodo come questo, dove gli italiani devono far fronte al caro vita, con un occhio anche alle festività, si stanno impegnando in campagne di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini per permettere loro di evitare truffe e raggiri

Gestione cookie