Pagare Imu in tabaccheria | Che documenti servono

La rata dell’IMU può essere pagata comodamente anche in tabaccheria: ecco come fare e che documenti servono

IMU
pagare IMU in tabaccheria (Foto Adobe)

Tra le tasse che i cittadini italiani pagano più malvolentieri un posto d’onore spetta all’IMU, l‘Imposta Municipale Propria. Si tratta di un tributo che gli italiani devono pagare dal 2011, a seguito della manovra Salva – Italia ad opera del governo Monti ed è operativa a decorrere dal gennaio 2012.

Fino al 2013 l’IMU è stata valida anche sull’abitazione principale mentre ad oggi l’imposta deve essere pagata da coloro che hanno più case di proprietà ma anche da chi ha una prima casa che è considerata di lusso. Rientrano in questa casistica tutti gli edifici abitazioni che rientrano nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, ovvero case signorili, ville e castelli.

IMU, cosa serve per pagare la rata al tabacchi

IMU
pagare IMU in tabaccheria (Foto Adobe)

L’IMU può essere pagata in vari modi ma sempre tramite il modello F24. Il tributo, infatti, può essere corrisposto pagando online sul sito web dell’Agenzia delle Entrate oppure in banca o negli uffici postali. Ricordiamo che coloro che hanno più immobili devono usare un bollettino diverso per ogni comune. Il contribuente deve compilare il quadro G-H.

Oltre a questi modi è possibile pagare l’IMU anche in tabaccheria: qui sicuramente troveremo meno fila che alla banca o alla posta. Sono oltre 400mila le persone che ogni anno pagano l’IMU proprio in tabacchi usando i servizi di Banca5. Questo servizio permette di pagare, comodamente in tabaccheria e senza costi, il Modello F24 Unificato e le Deleghe F24 IMU, TARI e TASI.

LEGGI ANCHE: Pensioni, nuovo aumento in arrivo: quando ci sarà

Ovviamente pagare il tabaccheria tramite Banca5 è un modo molto sicuro dal momento che tutte le quietanze rilasciate a seguito del pagamento del Modello F24 Unificato sono automaticamente salvate sul sito di conservazione sostitutiva www.quietanze.banca5.com, dove sono disponibili per un periodo di 12 mesi dalla data dell’operazione.

LEGGI ANCHE: Asilo nido 2023 | Rischio brutta sorpresa per tutti

Dopo tale termine e fino a 10 anni dalla data dell’operazione, le quietanze possono essere richieste a Banca 5 compilando l’apposito form. Il servizio è totalmente gratuito per il Cittadino. Ma cosa occorre presentare al tabaccaio affinché possiamo effettuare il pagamento dell’IMU nel suo esercizio commerciale?

Per pagare l’IMU in tabaccheria dovremo avere con noi, ovviamente, il modello F24 del pagamento. Sarà inoltre necessario presentare la tessera sanitaria, il documento di identità e scegliere se pagare in contanti o con carte di credito o debito.