Bonus per disoccupati nel 2023 | Diversi aiuti INPS

Tutte le possibilità previdenziali dal 2023 per coloro che hanno interrotto involontariamente il rapporto di lavoro. I dettagli

bonus per disoccupazione
INPS (Foto Adobe)

La crisi dell’energia che dalla fine dello scorso febbraio sta attanagliando i Paesi europei, e in particolare l’Italia, ben presto si è trasformata in ciò che più si è andato temendo, in una crisi economica. Ovviamente, quando una qualsiasi calamitosi si declina in chiave economica, il primo ambito a rimanere vittima delle conseguenze è il settore produttivo di una nazione, seguito, di conseguenza, dal tessuto sociale.

Come ha dimostrato l’emergenza sanitaria da Coronavirus nel 2020 e nel 2021, la chiusura prolungata di un’ampia rosa di realtà economiche (aziende, piccole imprese, artigiani e piccoli professionisti) ha generato una moltitudine di lavoratori esclusi dalla operatività, riversandosi presso i canali previdenziali assistenziali, quali la “classica” cassa integrazione o i redditi di emergenza attivati nella circostanza. Di fatto, l’impoverimento delle famiglie dovuto ai rincari delle bollette e dall’inflazione è stato peggiorato, in alcuni casi, dalla perdita del posto di lavoro, in quanto gli stessi costi sono stati scaricati su quelle aziende che sono state poi costrette a chiudere i battenti.

Bonus per disoccupati nel 2023, quali contributi possono essere richiesti all’INPS

bonus per disoccupazione
INPS (Foto Adobe)

Presso alcuni contesti familiari, lo status di disoccupazione ha generato vere e proprie condizioni endemiche, senza soluzione di continuità; il tutto, sovente, aggravato da un particolare e delicato contesto sociale, oltre che in assenza di un equilibrio finanziario. DA diversi anni, lo Stato, nell’ambito dell’occupazione da lavoro dipendente, mette a disposizione un’indennità di disoccupazione, meglio nota negli ultimi anni con l’acronimo NASPI. 

LEGGI ANCHE: Terremoto RdC | Confermata novità scuola per il 2023?

Erogato dall’INPS ai lavoratori subordinati, il sussidio può essere richiesto già dall’ottavo giorno successivo alla cessazione involontaria del rapporto di lavoro. La durata delle erogazioni è regolata dal contratto di lavoro della categoria di provenienza; mentre l’assegno mensile è pari per i primi sei mesi al 75 per cento della media delle buste paga negli ultimi quattro anni, dopodiché ogni mese l’importo viene ridotto del 3 per cento dalla quota del mese precedente.

LEGGI ANCHE: Diploma serale: costi e come funzionano le lezioni

A questa specifica misura, si affianca una misura strutturale come quella del Reddito di Cittadinanza. Dal 1° gennaio 2023, le radicali modifiche ai criteri di accesso e alla durata hanno notelvolmente stravolto il ritratto medio della platea. La durata non sarà più rinnovabile ma soltanto pari a otto mesi (contro i diciotto ancora fino alla fine di quest’anno); inoltre, la revoca può essere anticipata sin dal primo e unico rifiuto all’offerta professionale del Centro per l’Impiego. Al RdC si può comunque cumulare la richiesta dell’Assegno Unico e universale se si hanno a carico figli fino al 21° anno di età o figli disabili senza limiti anagrafici, riuscendo ad accedere, se l’ISEE è sotto i 15mila euro annui, ad un assegno mensile di 175 euro. Con un ISEE non superiore a 7.120,39 euro, si può ottenere l’accredito bimestrale di 80 euro richiedendo la Carta Acquisti INPS.