Pensioni Poste gennaio | Arriverà il 1 o 2 gennaio?

Ecco in quali date i percettori potranno presentarsi alla prima consegna dei ratei pensionistici INPS del 2023. I giorni

pensioni nei primi di gennaio
Pensioni INPS (Foto Adobe – adobe.com)

Il mese di dicembre sta rapidamente esaurendosi, insieme alla corsa dei regali oramai agli sgoccioli. Volgono alla conclusione dell’anno anche gli effetti delle misure previdenziali che per questi ultimi dieci mesi sono stati fondamentali per il sostentamento economico in molti contesti familiari. Le novità maggiori si sono tuttavia presentata nell’arco dell’ultimo trimestre 2022.

Un ambito particolarmente toccato da queste novità è quello delle pensioni INPS. A partire dallo scorso ottobre, infatti, quello dei pensionati è stato il primo referente a beneficiare dei bonus governativi a sostegno del caro bollette, pari rispettivamente a 200 e 150 euro, nei confronti dei redditi bassi. Ma prima della tredicesima INPS, si è raggiunto il consolidamento dell’aumento degli importi pensionistici legati all’adeguamento ISTAT.

Pensioni Poste gennaio, qual è il primo giorno delle consegne dei ratei?

pensioni nei primi di gennaio
Ufficio postale (Foto Adobe – adobe.com)

L’adeguamento in base agli indici ISTAT sui prezzi al consumo ha rappresentato un provvedimento, il quale, rispetto agli altri anni, ha anticipato la misura. La causa riguarda ovviamente l’inflazione e suoi effetti nell’ambito sociale; la stessa che anche per il primo trimestre del 2023 non ha intenzione ad arrestare la sua corsa, anzi si appresta ad accelerare verso le due cifre percentuali.

LEGGI ANCHE: Cosa è successo alla vostra tredicesima (e non l’avete notato)

L’incremento arrivato sui cedolini INPS a ottobre scorso è stato del 2 per cento (con aliquote variabili a seconda del reddito); mentre già dal 1° gennaio, al via la seconda parte dell’iniziativa sul contrasto all’inflazione: un nuovo aumento si attesterà ad un ulteriore 8 per cento, secondo le medesime modalità del primo. Inoltre, cambiano le regole sulle rivalutazioni ISTAT: si passa dalla rivalutazione annuale a quella trimestrale.

LEGGI ANCHE: Come sapere dopo quanti anni andrai in pensione

L’adeguamento trimestrale permetterà di rispondere con maggiore tempestività alle criticità imposte dall’aumento generalizzato dei prezzi e del tenore di vita, cercando dunque una soluzione sistematica piuttosto che emergenziale. A dicembre, anche la tredicesima INPS sulle pensioni è stata opportunamente rivista in rialzo. Si tratta, quello delle pensioni, del settore meno intaccato dalle modifiche di revisione – a differenza di altre misure – se non positivamente, dalle iniziative citate nella manovra di bilancio. Nel frattempo si attende l’inizio della prima tornata dell’anno circa la consegna dei ratei in contanti presso gli uffici postali. Non si partirà dal 1° gennaio: non soltanto perché è un giorno festivo, ma perché cade altresì di domenica. Pertanto le convocazione per ordine alfabetico del cognome partono da lunedì 2 gennaio 2023.