Agenzia delle Entrate | Grossa novità in arrivo per tutti

Dovrebbe arrivare a breve una riforma fiscale con lo scopo di semplificare il rapporti tra fisco e cittadino. L’Agenzia delle Entrate a confronto

Riforma fiscale dichiarazioni viceministro
Agenzia delle Entate (Foto Pixabay – pensioniora.it)

L’ultima riforma fiscale è stata fatta negli anni Settanta del Novecento, dopodiché sono state prodotte tutta una serie di leggi tampone. Queste più o meno le parole del viceministro all’Economia Maurizio Leo, che è lieto di annunciare i lavori su un anuova riforma fiscale, che servirà, a detta del viceministro, a semplificare i rapporti tra cittadino e fisco. Per la produzione finale del testo i legislatori si confronteranno con l’Agenzia delle Entrate, i professionisti e le forze politiche.

E continua: “Sarà una legge delega che terrà ovviamente conto delle regole UE e di quelle generali e tra i punti fondamentali inseriremo una semplificazione del calendario degli adempimenti e del meccanismo dei versamenti oltre a una revisione del sistema sanzionatorio”. Il testo, da quanto anticipato da Leo, sarà suddiviso in quattro parti. Quali sono i punti cardine?

Agenzia delle Entrate, la riforma fiscale

Riforma fiscale dichiarazioni viceministro
Agenzia delle Entate (Foto Pixabay – pensioniora.it)

Ovviamente per ora si tratta di intenzioni, anche se già in parte chiarite dalla Legge Bilancio 2023 che ha disposto una nuova rottamazione delle cartelle esattoriali. Anche per coloro che erano decaduti già dalla precedente definizione agevolata. Per quanto riguardai rapporti tra Agenzia delle Entrate e cittadino, la nuova riforma fiscale intende semplificare anche le riscossioni, e renderle più morbide per farle diventare esigibili, specialmente in caso di sanzioni. Si sa che il magazzino dell’Agenzia delle Entrate deve essere sistemato e ripulito da lungo tempo.

Leggi anche: Rottamazione cartelle 2023 | Se rientri paghi in 18 rate

Continua il viceministro, in tema Agenzia delle Entrate: “Partendo dagli omessi versamenti abbiamo scelto di applicare la sanzione più bassa e concedere 5 anni di dilazione. Abbiamo favorito i ravvedimenti operosi con un lasso temporale biennale così come per gli avvisi di accertamento e altre misure. L’obiettivo è rendere sostenibile il pagamento, risalendo tutta la filiera del rapporto fisco – contribuente”.

Leggi anche: Nuove esenzioni Imu e Tari | Cosa bisogna sapere

Dunque la semplificazione dovrebbe portare i cittadini ad una maggior volontà di sistemare i propri debiti con il fisco, a fronte di una maggior benevolenza. Si attende che il testo diventi organico e definitivo, dato che includerà anche novità sull’IRPEF.