Puoi avere questo mutuo se guadagni 1.300€

A quanto ammonta la rata del mutuo se abbiamo uno stipendio di 1.300 euro al mese? Scopriamolo insieme

mutuo
rata mutuo guadagno 1.300 euro (Foto Adobe -pensioni.it)

Avere una casa di proprietà è il sogno di tantissimi italiani. Chi riesce a coronare questo sogno, la maggior parte delle volte, ricorre alla richiesta di un mutuo presso un istituto bancario per poter pagare a rate la quota dell’immobile che resta da dare dopo aver invece dato l’anticipo.

Attraverso un mutuo, infatti, è molto più semplice comprare una casa: si può scegliere l‘importo del mutuo, a quanto ammonta una rata ed anche il tasso da scegliere, se fisso o variabile. Quando però si chiede un mutuo la prima cosa da fare è tenere conto del proprio stipendio dal momento che questo è utilizzato come garanzia.

Mutuo, a quanto ammonta se si guadagna 1.300 euro al mese

mutuo
rata mutuo guadagno 1.300 euro (Foto Adobe -pensioni.it)

Una banca concederà un mutuo tenendo in considerazione innanzitutto lo stipendio del richiedente: non basta avere i cedolini della busta paga poiché se il contenuto non convince la banca, in particolare la retribuzione mensile, bisognerà utilizzare altri beni come garanzia per l’accensione del mutuo.

LEGGI ANCHE: ISEE 2023 | Se fai questo errore il Caf ti rimanda indietro

In Italia uno stipendio medio nazionale si aggira intorno ai 1.500 euro al mese, con una forbice che va da 1.300 a 1.600 euro. Un italiano che ha uno stipendio di 1.300 euro quanto potrà chiedere di mutuo? Un calcolo veloce lo si può ottenere moltiplicando per 0,3 – 0,35 l’importo dello stipendio mensile per ottenere subito l’importo di rata al mese sostenibile per il richiedente. La rata dovrà essere moltiplicata per 12 mensilità.

LEGGI ANCHE: Pensionato INPS | Si può avere quattordicesima in anticipo?

Nel caso in cui una persone percepisce uno stipendio da 1.300 euro la rata sarebbe massimo di 390-450 euro, moltiplicato per 12 si avrebbe 4.680 – 5.400 euro di mutuo da corrispondere per ogni annualità. Moltiplicando per 30 anni di mutuo, si avrebbe ben 140.400 – 162.000 euro di importo massimo, esclusi ogni eventuale ricalcolo.

Ovviamente nel calcolo non sono inclusi eventuali ed ulteriori tassi di interesse o aumenti o riduzioni nel caso in cui i valori Euribor e Eurirs dovessero innalzarsi o precipitare. Ricordiamo, in ogni caso, che la rata del mutuo non può superare la percentuale sopra indicata, ovvero il 30-35% del proprio stipendio, almeno per garantire al contraente la somma necessaria per le proprie spese essenziali.