Eredità | A chi va il TFR se il lavoratore muore

Il TFR è l’indennità a favore del lavoratore subordinato al termine del rapporto di lavoro: a chi spetta in caso di morte dell’avente diritto

chi riceve in eredità tfr di una persona defunta
TFR (Pensioniora.it)

Il TFR ed è il trattamento di fine rapporto, ossia la prestazione economica che spetta al lavoratore subordinato all’atto della cessazione del rapporto di lavoro. Il contributo è concesso qualunque sia il motivo (licenziamento, dimissioni, o raggiungimento dell’età della pensione). Il TFR è erogato sia ai soggetti assunti con contratto a tempo indeterminato, sia a quelli con un contratto a tempo determinato della durata minima di 15 giorni continuativi nel mese.

La ratio di tale prestazione è quella di assicurare al lavoratore, quando perde il lavoro, la disponibilità di risorse economiche necessarie per il proprio sostentamento e quello della propria famiglia. Inoltre, tale contributo è corrisposta d’ufficio, perciò il lavoratore non deve fare alcun tipo di richiesta. Dunque, il modello TFR1 è compilato direttamente dall’ente o amministrazione di appartenenza.

TFR, i soggetti che ne hanno diritto in caso di morte del lavoratore

Eredità TFR in caso di morte del lavoratore
Legge sull’indennità in caso di morte (Pixabay)

Talvolta il TFR corrisponde a somme davvero esorbitanti, proprio per questo ci si chiede a chi andrà nel caso in cui il beneficiario muoia. Innanzitutto, è bene sottolineare che tale prestazione non rappresenta un bene che rientra nella successione. Dunque, il decesso del lavoratore rappresenta una delle cause di cessazione automatica del contratto.

Leggi anche: Nipoti in auto, molti nonni rischiano multa pesante | Motivo

In tal caso, così come stabilito dall’articolo 2122 del codice civile, quando l’avente diritto muore, il datore di lavoro dovrà versarlo al coniuge, ai figli e, se eventualmente conviventi ed a carico del lavoratore, anche ai parenti entro il terzo grado e agli affini entro il secondo grado. I parenti entro il terzo grado sono i bisnonni, i pronipoti, i nipoti (figli di fratelli o sorelle), zii (fratelli o sorelle dei genitori). Mentre gli affini entro il secondo grado sono i parenti del coniuge e quindi ad esempio i suoceri.

Leggi anche: Molti anziani stanno scaricando quest’app | Il motivo

Qualora tali soggetti manchino, la prestazione sarà assegnata in base a quanto disposto dalla disciplina della successione legittima. O altrimenti, secondo il testamento predisposto dal lavoratore. Perciò, nel caso in cui, quest’ultimo non abbia figli, coniuge, né altri parenti a carico potrà destinare l’indennità a favore di un soggetto da lui stesso designato nel testamento.