Pensionati alla guida | Regole e restrizioni 2023

Alcune modifiche del Codice della Strada in vista del prossimo anno che riguardano i pensionati, cosa cambia

anziani volante limiti
Anziani al volante (Foto Adobe)

Nuove integrazioni e cambiamenti del Codice della Strada riguardano i pensionati e sono finalizzati a garantire maggior sicurezza a tutti gli utenti della viabilità e della circolazione nella penisola automobilisti, motociclisti, ciclisti e pedoni che siano.

Attualmente le regole che previste dal Codice prevedono il rinnovo della patente ogni 10 anni fino all’età di 50 anni, poi ogni 5 anni tra i 50 e i 70 anni. Successivamente ogni tre anni tra i 70 e gli 80 anni e infine ogni 2 anni dopo gli 80 anni. Obiettivo del legislatore è la modifica di queste norme con l’introduzione di limiti specifici per le fasce d’età più avanzate. Nel dettaglio di che cosa si tratta?

Quali cambiamenti sono in vista per i pensionati al volante

anziani volante limiti
Anziani al volante (Foto Adobe)

Proprio per la fascia d’età più avanzata si prospettano alcune modifiche di rilievo non tanto sui termini del rinnovo della patente di guida, quanto sulle limitazioni imposte nella conduzione dei veicoli. Infatti si prospetta l’introduzione di limitazioni simili a quelle previste per i neopatentati. In particolare le limitazioni riguardano la guida di autoveicoli con una potenza specifica, riferita alla tara superiore a 55 chilowatt su tonnellata, con ulteriore limitazione per i veicoli di categoria M1 con potenza massima pari a 70 chilowatt.

L’obiettivo dichiarato della proposta di modifica è la riduzione degli incidenti che spesso vedono protagonisti proprio gli ultraottantenni. Attualmente i rinnovi oltre gli 80 anni sono biennali, come accennato. Ma anche su questo fronte si sta facendo strada l’idea di accorciare ulteriormente il periodo per il rinnovo facendolo diventare annuale, al fine di verificare con maggior accuratezza le capacità visive e uditive, oltre la prontezza di riflessi.

Leggi anche: I saldi si avvicinano | Segnatevi queste date

Oggi alla visita medica relativa al rinnovo, qualora emergano problemi per l’ottantenne, il medico è tenuto a rinviare il controllo alla commissione medica locale che può stabilire dei limiti da apporre sulla patente tramite dei codici.

Leggi anche: Molti stanno ricevendo questa multa | Ma è una truffa

I limiti possono andare dall’obbligo di munirsi di apparecchio acustico alla guida, al divieto di condurre mezzi fuori dagli orari diurni, dal divieto di spostarsi in auto oltre un certo chilometraggio dalla propria residenza, all’obbligo di non oltrepassare una determinata velocità.