Successione, si può pagare anche rateizzando | Come funziona

La successione è un procedimento al termine del quale gli eredi potrebbero trovarsi a dover pagare delle spese per il passaggio dei beni

successione pagamento aliquote
Successione (Foto Pixabay)

Dopo un evento luttuoso si deve pensare non solo al proprio lato emotivo ed affettivo, ma si incontrano una serie lunghissima di pratiche burocratiche da espletare. Nel caso dei due coniugi, tanto per cominciare, la richiesta della pensione di reversibilità. In assenza di testamento olografo o diretto, stipulato davanti ad un notaio, si deve iniziare il procedimento di successione, che diventa più complicato se ha più di un chiamato all’eredità. La prima cosa da fare è inventariare i beni del defunto, e stilare una lista degli attivi e passivi.

Dopo aver fatto questo i chiamati all’eredità possono anche decidere di rinunciare alla propria eredità, rinunciando a tutti i beni. Solo la pensione di reversibilità può essere lo stesso percepita, anche con la rinuncia all’eredità. La pratica di successione può durare anche anni.

Successione, quando scatta il pagamento per le donazioni

successione pagamento aliquote
Successione (Foto Pixabay)

Nel caso in cui il parente defunto, il de cuius, abbia già stabilito in sede testamentaria come suddividere i beni, essi passano direttamente alla persona nominata, a meno che gli altri chiamati all’eredità non decidano di impugnare il testamento. Acquisire dei beni per successione non è però gratis. Esistono delle franchigie e delle aliquote che sono stabilite per legge dall’Agenzia delle Entrate. Nello specifico i beni con alti valori di mercato, o le donazioni con liquidità, sono soggette a pagamento se superano il valore di un milione di euro se rivolte ai figli, o al primo erede in asse diretto. Il pagamento, sulla cifra che eccede i 100 euro, può essere anche richiesto a rate.

Leggi anche: Imu 16 dicembre: cosa succede se non hai pagato

Leggi anche: Pensioni: gli scenari se viene cancellata la Legge Fornero

L’Agenzia delle Entrate determina le aliquote e le franchigie nello specifico:

  • 4%, per i trasferimenti effettuati in favore del coniuge o di parenti in linea retta (ascendenti e discendenti) da applicare sul valore complessivo netto eccedente, per ciascun beneficiario, la quota di 1 milione di euro
  • 6%, per i trasferimenti in favore di fratelli o sorelle da applicare sul valore complessivo netto eccedente, per ciascun beneficiario, 100.000 euro
  • 6%, per i trasferimenti in favore di altri parenti fino al quarto grado, degli affini in linea collaterale fino al terzo grado, da applicare sul valore complessivo netto trasferito, senza applicazione di alcuna franchigia
  • 8%, per i trasferimenti in favore di tutti gli altri soggetti da applicare sul valore complessivo netto trasferito, senza applicazione di alcuna franchigia.