Bonus scuola | Puoi avere questo ricco aiuto nel 2023

Nell’Italia dei bonus non potevano mancare gli aiuti per gli studenti, dal compimento dei 18 anni in su. Di cosa si tratta

bonus scuola 18 app 2023
Scuola (Foto Pixabay – pensioniora.it)

Il sistema bonus è un’agevolazione che va a vantaggio di coloro che posseggono i requisiti stabiliti per legge. Supplisce in qualche modo all’assenza strutturale del welfare italiano, che nel tempo ha perso i suoi presupposti essenziali. Dunque nulla di dovuto, ma tutto deve essere richiesto. Anche se la maggior parte dei bonus sono per provare a migliorare la transizione energetica in Italia, o per supportare le famiglie con ISEE molto basso, non potevano mancare all’appello gli studenti. Il passaggio alla maggiore età è un momento particolare nella vita di chiunque.

Alcune persone rimangono a casa per parecchio tempo anche dopo il compimento dei 18 anni, altri cercano l’indipendenza immediatamente. E le sovvenzioni ai giovani che vogliono diventare immediatamente produttivi sono più di una, non ultima quella che agevola il mutuo sulla prima casa. Per chi vuole continuare a studiare c’è la possibilità di ottenere borse di studio sovvenzionate dallo Stato. In ogni caso tutti i 18enni hanno diritto a questo bonus.

Bonus scuola, la 18 App

bonus scuola 18 app 2023
Bonus (Foto Pixabay – pensioniora.it)

Chi compie 18 anni in Italia ha diritto alla cosiddetta 18 App, un’applicazione tramite la quale si può ricevere una carta con 500 euro dentro da utilizzare in prodotti culturali. Anche per il 2023 la 18app è stata riconfermata. Tutti i 18enni compiuti la possono richiedere. I prodotti culturali che si possono acquistare sono libri, abbonamenti a quotidiani e periodici, biglietti per mostre, concerti, cinema, spettacoli, monumenti, gallerie e parchi naturali, corsi di musica, teatro, danza o lingue straniere.

Leggi anche: Assegno unico | Rinnovo di marzo automatico per qualcuno?

Purtroppo nell’italietta dei mediocri ci sono anche le persone che sfruttano la carta cultura dei figli per comprare i regali di Natale, sottraendo così un patrimonio culturale ai propri figli, ed allo stesso tempo compiendo una ‘lecita’ appropriazione indebita ai danni dello Stato. Sono azioni che andrebbero sanzionate, ma non c’è possibilità di controllo.

Leggi anche: Naspi, puoi avere tutti i soldi in anticipo | Cosa serve

Il Governo, per il prossimo anno, ovvero il 2024, ha previsto due forme di bonus per i giovani studenti. La prima è la “carta cultura giovani“, riservata ai 18enni con ISEE familiare non superiore a 35mila euro. La seconda invece riguarda il merito, per tutti i giovani che abbiano superato l’esame di maturità con almeno 100 centesimi.