Hai vecchi termosifoni? Devi cambiarli presto | Il motivo

Ecco quando è il momento giusto per sostituire i vecchi termosifoni con apparecchi più efficienti. Di cosa si parla

quando sostituire vecchi termosifoni
Termosifoni (Foto Adobe)

La crisi energetica, minacciando il rischio di un taglio del gas da importare, oltre ai drammatici rincari, ha imposto a molti Paesi europei di predisporre un piano di razionamento energetico, con la riduzione delle ore giornaliere e del numero dei giorni complessivi di accensione dei riscaldamenti a gas, regolata da un preciso calendario variabile tra Regioni e Province (per quanto concerne l’Italia).

Molti cittadini stanno tentando di entrare in aperta competizione con gli intollerabili costi delle bollette sulle utenze domestiche, agendo dal punto di vista dei consumi. Tra questi, alcuni contribuenti hanno approfittato dei bonus fiscali per dotarsi di dispositivi di alta efficienza energetica, quali: i pannelli solari; installati su balconi e terrazze; le stufe a legna o a pellet certificate; o ancora, i pannelli termoriflettori, installati posteriormente al termosifone per evitare la disperazione del calore prodotto là dove le pareti sono più sottili, ovvero sotto le finestre.

Hai vecchi termofisoni? Perché occorre sostituirli il prima possibile

quando sostituire vecchi termosifoni
Termosifoni (Foto Adobe)

In casa, i consumi più alti si registrano tra gli elettrodomestici più comuni, come il frigorifero, la lavastoviglie, la lavatrice, nonché il condizionatore. Su questi, l’utente deve sentirsi maggiormente responsabilizzato ad utilizzarsi secondo una condotta di risparmio energetico; sarà proprio la bolletta a beneficiarne. Ma senza una casa o una stanza sufficientemente isolata, ad esempio, l’impianto di condizionamento continua a consumare ancora troppa energia elettrica. 

LEGGI ANCHE: Sanatoria cartelle esattoriali | Molti avranno una brutta sorpresa

Analogamente, quando i dispositivi sono troppo vecchi, la sostituzione rappresenta un utile investimento per tagliare i costi sulle bollette. La convenienza di questa decisione riguarda anche la sostituzione dei termosifoni, sebbene l’esborso complessivo possa apparire alto. Il malfunzionamento di un termosifone guasto contribuisce a far accrescere i costi delle utenze, poiché non si genera calore nonostante sia acceso.

LEGGI ANCHE: Cedolino pensione INPS | Si può vedere senza Spid?

I nuovi radiatori garantiscono una regolazione di temperatura più rapida tale da generare poco spreco di energia. Ciò è dovuto agli alti standard di energia richiesti sui nuovi apparecchi. Inoltre, non si corrono i rischi che causano guasti ai vecchi termosifoni: l’usurai la corrosione e la ruggine sono tra le cause, assieme all’ostruzione dei canali interni dovuto dall’accumulo di sedimenti. Pertanto la manutenzione prevede lo spurgo e il lavaggio chimico almeno una volta l’anno.