Hai il reddito di cittadinanza? | Perché ti conviene fare lo Spid

Lo Spid non è uno strumento obbligatorio ma utile da possedere. In alcuni casi anche imprescindibile da alcune prestazioni

Spid per reddito di cittadinanza a cosa serve
Spid (Foto Pixabay)

Chi è entrato a far parte del fantastico mondo dei servizi digitali della pubblica amministrazione sa che le chiavi digitali ormai sono una conditio si ne qua non. Come anche il dialogo tra le app ed il pc. Le chiavi digitali al momento autorizzate per poter accedere ai servizi digitali dei portali della PA, sono lo Spid, La CIE e la CNS. La CIE è la carta d’identità elettronica, che possiedono coloro che l’hanno rinnovata da poco tempo. La versione cartacea ormai è stata abbandonata da quasi 10 anni. Tuttavia, per essere larta abilitata come chiave digitale, è necessario che sia presente il chip.

La maggior parte delle persone, per accedere ai servizi della pubblica amministrazione senza doversi recare negli uffici, utilizza lo Spid, il sistema di identità digitale. Tramite esso in passato è stato possibile aderire al piano cashback di rimborso sugli acquisti. Ed ora è consentito, con un’unica credenziale, accedere a tutti i servizi della pubblica amministrazione, comprese le domande per le prestazioni di supporto al reddito ed il reddito di cittadinanza, almeno fino a che sarà ancora attivo in Italia.

Spid, i servizi per il reddito di cittadinanza

Spid per reddito di cittadinanza a cosa serve
Reddito di cittadinanza (Foto Pixabay)

Con le credenziali digitali, prima fra tutte lo Spid, i cittadini possono accedere ai servizi direttamente da casa propria, senza doversi recare presso gli uffici postali o presso i Caf. Nel caso del reddito di cittadinanza, ad esempio, le prestazioni delle ricariche sulla Rdc card, i rinnovi, ed anche i bonus aggiuntivi, come ad esempio il bonus 150 euro di novembre o dicembre, e l’assegno unico per i figli, possono essere controllati sul portale INPS tramite Spid.

Leggi anche: Pensione cittadinanza, ricarica dicembre prima o dopo Natale? | Data

Leggi anche: Bonus bollette 2023 | Funzionerà così per tutti

In questo modo si può leggere in tempo reale la data prevista di erogazione della prestazione. Lo Spid richiede differenti livelli di sicurezza. Per accedere al primo basta inserire mail e password. Mentre il secondo, il più comune, richiede garanzie aggiuntive, come la conferma tramite la app del provider presso cui si è acquisito lo Spid. O tramite codice numerico SMS. Ma solo gli over 65 hanno accessi illimitati con SMS. Gli altri devono utilizzare la app.