Assegno unico gennaio | Il pagamento arriva in automatico?

E’ la domanda che tutti si fanno: cosa cambierò a gennaio per l’assegno unico e soprattutto come avverrà il pagamento? Scopriamolo

automatico
Assegno unico in automatico (Foto Pixabay – AhmadArdity )

Con l’inizio del nuovo anno, non sono certo poche le novità che ci attendono e a cui dovremo abituarci: tra cambiamenti e notizie, infatti, sembra proprio che il 2023 sarà un anno molto scoppiettante e soprattutto molto promettente per molti di noi. In particolare, nell’ultimo periodo, non si fa altro che parlare dell’Assegno Unico: finito al centro di un vero e proprio vortice di cambiamenti e ricalcoli, proprio per andare in aiuto di tutta quella popolazione messa in ginocchio dall’economia.

D’altronde, non è certo un mistero che in questo ultimo periodo le cose non stiano andando per il verso giusto: se già, nei mesi scorsi, il caro energetico su gas e luce ci aveva ben fatto immaginare i tempi duri che ci aspettavano, a darci il colpo di grazie è arrivata l’inflazione. Sempre più elevata e insistente, ha ormai colpito qualsiasi aspetto del nostro quotidiano. Ma vediamo cosa dobbiamo aspettarci dall’Assegno Unico a partire dal nuovo anno.

Pagamento Assegno Unico: ecco come avverrà

automatico
Assegno unico in automatico (Foto Pixabay – Firmbee )

Ebbene sì, come avrete potuto facilmente intuire tra i tanti cambiamenti che ci attendono con l’inizio del nuovo anno, uno dei più interessanti e ghiotti è proprio quello che riguarda l’Assegno Unico. A partire dal mese di Gennaio 2023, infatti, non solo ci sarà un aumento dell’importo, ma la somma verrà inviata in modo automatico ai suoi percettori dall’INPS stesso.

Leggi anche: Busta paga | Novità nel 2023 se guadagni 1.400€

Affinchè possiate rientrare nella schiera di persone che, a partire dal primo gennaio 2023, potranno godere delle somme di Assegno Unico in modo automatico, avete bisogno di un solo requisito: ovvero che tutti quelli necessari per diventare beneficiari siano ancora in vigore. Se tutto è in regola, infatti, sarà l’INPS stesso a prelevare i vostri dati e a versarvi, in modo del tutto automatico, la somma di 190 euro al mese (un aumento, dunque, di circa quindici euro rispetto a quello attuale).

Leggi anche: Pensione | Come capire se si può rientrare nelle nuove quote

Proprio per questo motivo, e per facilitare l’erogazione automatica dell’Assegno Unico, l’INPS invita caldamente i soggetti interessati a comunicare tempestivamente eventuali cambiamenti nei propri requisiti. Come ad esempio il numero di figli, il loro raggiungimento della maggiore età (o ancora dei ventidue anni) o comunque aspetti che potrebbero andare a incidere sul calcolo dell’ISEE.

Gestione cookie