Pensione a 67 anni, fai così | INPS non può rifiutare

Coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1995 potranno lasciare il mondo del lavoro a 67 anni in questo modo

pensione
contributi dopo 1996 come pensionarsi (Foto Adobe – pensioni.it)

Quello delle pensioni è da sempre un tema molto caldo in Italia. La nuova Legge di Bilancio, messa a punto dal governo Meloni ed approvata dalla Camera, ha vari emendamenti che riguardano proprio il tema delle pensioni per scongiurare il ritorno alla Legge Fornero che prevede il pensionamento a 67 anni di età e 40 anni di contributi.

Ad oggi anche il pensionamento a 67 anni di età non è più una certezza: molti infatti credono che a 67 anni, automaticamente, potranno lasciare il mondo del lavoro ma, di fatti, non è sempre così. C’è un modo, però, per lasciare il mondo del lavoro proprio a 67 anni avendo contributi da dopo il 1995.

Pensioni, uscire dal mondo del lavoro a 67 anni con contributi dal 1996

pensione
contributi dopo 1996 come pensionarsi (Foto Adobe – pensioni.it)

Tutti gli italiani che hanno iniziato a lavorare dopo il 1995 hanno un problema per quanto riguarda la pensione di vecchiaia: si tratta di un problema di tipo contributivo. Coloro che, infatti, hanno iniziato a lavorare dopo il 31 dicembre 1995 non hanno la certezza di uscire dal mondo del lavoro a 67 anni con 20 anni di contributi poi ché ricadono nel sistema misto e non in quello contributivo.

LEGGI ANCHE: Sorpresa INPS, regalo di Capodanno sul conto | Chi lo avrà

Questo significa che a queste persone l’INPS potrebbe respingere la domanda di pensione presentata a 67 anni nonostante abbiano già completato la combinazione 67+20. Queste persone dovrebbero lasciare il mondo del lavoro a 71 anni ma esiste un metodo per rientrare nella pensione a 67 anni anche da contributivo puro pescando tra i periodi di non lavoro precedenti.

LEGGI ANCHE: Digitale terrestre 2023 | Questa la nuova lista canali

Queste accade perché la pensione di vecchiaia per il contributivo puro ha bisogno che l’assegno venga liquidato per un importo che non può scendere sotto 1,5 volte l’assegno sociale. Per il 2023 la pensione sarà di 750 euro al mese e non oltre e chi ha diritto ad una pensione di 600 euro, se non ha contributi prima del 1996, dovrà andare in pensione a 71 anni di età.

Una soluzione per lasciare prima il mondo del lavoro è quella di riscattare il periodo di studio universitario per chi si è laureato. Non serve riscattare tutti e 5 gli anni di un corso di laurea ma basta anche il periodo minimo utile a diventare lavoratore del sistema misto. Gli uomini, invece, possono riscattare gratuitamente l’anno di servizio militare.