Che stipendio servirà per avere mutuo nel 2023

La garanzia pecuniaria per accendere un mutuo è generalmente identificata da stipendio o pensione. Quando è sufficiente per richiedere un prestito?

mutuo casa che stipendio serve
Mutuo (Foto Pixabay – pensioniora.it)

Questa è una domanda legittima, che molti contribuenti si fanno da parecchio tempo. Ovviamente per una risposta esatta al millimetro si consiglia di contattare il consulente finanziario della banca presso cui si intende accendere un mutuo. Il mutuo per la prima casa è la prima forma di impegno economico che una persona, o una giovane coppia, inizia a sostenere nella vita. Ed è il momento in cui costi quel che costi ogni mese si deve onorare l’impegno preso con la banca. In caso contrario si finisce immediatamente nella lista dei cattivi pagatori, dove si rimane per almeno 2 anni, e si rischiano anche i procedimenti forzosi.

E questo non solo se non si paga il mutuo, ma anche per il ritardi dopo le scadenze. Per cui si consiglia di non pagare in ritardo, a meno che nel contratto di mutuo non ne sia esplicitata la facoltà. In ogni caso la banca prima di accogliere un mutuo si fa i suoi conti e cerca di evitare in tutti i modi di incorrere in cattivi pagatori. Per cui preferisce tutelarsi in anticipo con delle garanzie, quali lo stipendio o la pensione.

Mutuo, chi lo può accendere

mutuo casa che stipendio serve
Mutuo (Foto Pixabay – pensioniora.it)

La questione mutuo non è semplice, perché soggetta a tutta una serie di variabili. Chi si chiede quale stipendio dovrebbe avere per poter accendere un mutuo, forse non sa che la domanda è riduttiva. Infatti non è l’entità dello stipendio che conta, quanto la garanzia di poterlo continuare ad avere nel tempo. Per questo un contratto a tempo determinato, o peggio ancora di collaborazione, a prescindere dalla cifra, sarà accolto con molto meno favore di un contratto a tempo indeterminato

Leggi anche: Cessione del quinto | Età massima per avere un finanziamento

Leggi anche: Cosa devi sapere se vuoi avere un mutuo nel 2023

Dunque non è la quantità di garanzie che conta, quanto la qualità di poter onorare all’impegno nel tempo. La cifra è importante per determinare l’importo del reddito e delle rate di un mutuo. Difatti per legge nessuno può impegnare una cifra superiore ad un tot dello stipendio per pagare le rate del mutuo.